Fiordaliso
Centaurea cyanus (Fam. Asteraceae)

INTRODUZIONE:

Avete mai sentito parlare di ‘cianomanzia’? Anche se mi piace bere vino mentre scrivo non sono ancora ubriaca:) La cianomanzia è una divinazione tipica della Provenza in uso sino al secolo scorso, quando ancora i Fiordalisi coloravano di blu oceano infinite distese di campi di cereali. Questa pratica tradizionale prevedeva che una fanciulla bisognosa di amore, ma indecisa sulla scelta del partner, cogliesse tanti Fiordalisi quanto il numero dei suoi spasimanti; l’interessata praticava poi un’incisione con le iniziali dei pretendenti su ognuno dei gambi raccolti, un gambo fiorito per ogni candidato. Al termine delle incisioni, i fiori recisi venivano poi radunati in un unico mazzo e messi a bagno nell’acqua. Il fiore che appassiva per ultimo svelava le iniziali del pretendente meritevole del suo amore.
Ancora oggi il Fiordaliso simboleggia l’amore, la serenità esistenziale e la capacità di godere delle piccole cose. In effetti piace a tutti il blu intenso e l’armonia dei suoi fiori… Anche le api ne vanno matte! Questa pianta fu cara al Centauro Chirone che, ferito da una freccia, utilizzò il suo succo fresco per guarire: da qui il nome generico Centaurea. In effetti il Fiordaliso vanta proprietà astringenti, antinfiammatorie e decongestionanti, tanto che veniva normalmente impiegato per realizzare dei colliri in grado di curare le congiuntiviti più difficili. Anche in cucina è un ottimo alleato! Parente dei carciofi, il Fiordaliso ne ricorda il sapore e, in alcune regioni italiane, viene tutt’oggi impiegato come ingrediente per frittate e contorni. Sia le foglie che i fiori vantano proprietà toniche, digestive e diuretiche.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

SEGNI PARTICOLARI: Fiori di color blu intenso, fusti rigidi e pelosi, aroma che ricorda il carciofo.

Il blu intenso dei suoi fiori lo rende inconfondibile, ma talvolta i suoi fiori possono essere rosati o bianchi. Il fusto, piuttosto coriaceo, appare di colore verde scuro e ricco di peluria. Il periodo della fioritura è solitamente compreso tra fine aprile e inizio luglio. E’ in questo periodo che vi risulterà più facile localizzarlo!

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

DOVE LA TROVI: Campi di cereali.

Se cercate dei Fiordalisi dovete andare per campi. Meglio se di cereali. E’ un inseparabile compagno dei Papaveri e della Camomilla, nonché delle Violette di Campo e del Cumino. Ma non lo troverete in tutti i campi, soltanto quelli privi di diserbanti e pesticidi possono ospitarlo. Nonostante il suo aspetto delicato il Fiordaliso è comunque una pianta resistente, non di rado ho potuto osservarlo a margine di campi-lager trattati prepotentemente con sostanze chimiche killer. Basterebbe usare meno prodotti, ed ecco che tornerebbe a diffondersi con rinnovata allegria!

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

UTILIZZI: Frittate, contorni, ripieni; in fitoterapia per colliri e infusi.

Mi piace usare i Fiordalisi in cucina. I fiori sono un fantastico ornamento per qualsiasi piatto. Se li si assapora con attenzione, ritroverete delle somiglianze con il comune carciofo; ancor di più se assaggiate le foglie. Data la loro consistenza piuttosto coriacea, se volete adoperare le foglie per ripieni, contorni, frittate o torte salate, vi consiglio di sminuzzarle piuttosto finemente prima di farle saltare in padella. L’infuso preparato con foglie e fiori nel periodo di piena fioritura, può essere un valido rimedio per trattare le infezioni degli occhi, la bronchite e la dissenteria.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

PROPRIETA': Astringenti, antinfiammatorie, decongestionanti, diuretiche, toniche e digestive.

Viste le sue proprietà astringenti, antifiammatorie e decongestionanti, il Fiordaliso può essere impiegato con successo per trattare le infezioni della bocca, della gola e degli occhi, ma anche per contrastare la dissenteria e le affezioni dei bronchi. Per le congiuntiviti si usa preparare un infuso con 5 g di fiori e foglie (colte tra maggio e giugno) in 100 ml di acqua bollente. Sminuzzate bene le parti raccolte e lasciatele in infusione nell’acqua bollente per 10 minuti. Poi filtrate il tutto e applicate il liquido sugli occhi servendovi di una garza di cotone sterilizzato. Lo stesso infuso può essere utilizzato per via interna o gargarismi in caso di infiammazioni della gola o della bocca.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

CURIOSITA':

Usi magici: il Fiordaliso viene impiegato nei rituali d'amore quando si cerca una persona romantica per una storia sentimentale serena e positiva, senza picchi di passione:) In tal caso cogliete 7 fiori di Fiordaliso e 3 Rose rosse, legateli con tre fili (uno rosa, uno rosso e uno bianco) e ponete il mazzo sotto il letto per un intero ciclo lunare. Buona magia!

ECCO COSA PUOI PREPARARE:

Basmati in fiore
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
© 2016 Vivi di sana pianta by Viviana Sorrentino. Tutti i diritti riservati.

Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a titolo indicativo e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. vividisanapianta.it non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati. La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.