Silene
Silene vulgaris (Fam. Caryophyllaceae)

INTRODUZIONE:

Tutti da bambini avete probabilmente giocato con questa pianta, o meglio con i suoi fiori dotati di un calice rigonfio come un palloncino che se premuto con forza sulla mano “scoppietta”. Persino le foglie e i germogli “risuonano”, nel senso che se sfregati fra loro emettono uno stridolio caratteristico: da qui l’appellativo volgare di “Stridolo” o “Strigolo”. Ma sono tanti i nomi popolari per questa pianta molto apprezzata in cucina: sonaglini, schioppettini, cavoli della comare, carletti, strisci, scrissioi, s-ciopit o sclopit, s-ciopetin, grisol, cuiet in Piemonte e concigli nell’Appennino Umbro Marchigiano. Basta un’assaggio delle sue delicate foglie, anche crude, per capire che si ha a che fare con una delle erbe spontanee più sfiziose presenti in natura. Vitamina C, carboidrati, sali minerali e mucillagini costituiscono il principale apporto nutrizionale del Silene, che dunque consiglio di consumare crudo o cotto al massimo per un paio di minuti, al vapore o in padella.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

SEGNI PARTICOLARI: Foglie lisce che stridono per sfregamento e calice fiorale rigonfio.

La pianta presenta un calice fiorale rigonfio come un palloncino che se premuto con forza sulla mano “scoppia”. Le foglie e i germogli invece, se sfregati fra di loro le dita emettono un caratteristico stridolio: da qui l’appellativo di “Stridolo” o “Strigolo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

DOVE LA TROVI: Prati e incolti in pendenza, margine di strade, scarpate di vigneti.

Questa pianta non ama il ristagno d’acqua, per questa ragione la troverete sempre in terreni con pendenze più o meno pronunciate. Al margine di una strada o di un terreno agricolo, o in prati più o meno soleggiati. Tanto più è umido il terreno, tanto più le cimette saranno turgide e delicate per sapore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

UTILIZZI: Crudo in misticanza, per contorni, flan, sformati, pasta, risotti o ripieni.

Del Silene si raccolgono le cimette prima della fioritura (aprile), perché successivamente le foglie diventano amarognole e un po’ più coriacee. Infiniti sono i suoi utilizzi in cucina e il suo sapore ricorda i piselli. Può essere consumato crudo in misticanza, oppure cotto brevemente per un sugo della pasta, un ripieno di cannelloni o ravioli. Perfetto anche per flan e sformati.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

PROPRIETA': Vitaminizzanti, diuretiche, emollienti.

Vitamina C, carboidrati, sali minerali, saponine e mucillagini costituiscono il principale apporto nutrizionale del Silene, che dunque consiglio di consumare crudo o cotto al massimo per un paio di minuti, al vapore o in padella.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

CURIOSITA':

L'etimologia del termine "Silene", risale alla divinità greca Sileno, particolarmente nota per le sue abbuffate e rappresentata iconograficamente con una bella pancia rigonfia. Linneo paragonò alla figura mitica il calice rigonfio di questa pianta, da qui la scelta del nome generico "Silene".

ECCO COSA PUOI PREPARARE:

Gnocchetti di Silene al burro di Edera Terrestre
Misticanza d'autunno
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
© 2016 Vivi di sana pianta by Viviana Sorrentino. Tutti i diritti riservati.

Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a titolo indicativo e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. vividisanapianta.it non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati. La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.