Tarassaco
Taraxacum officinale (Fam. Asteraceae)

INTRODUZIONE:

Considerato dagli antichi troppo amaro nonostante le sue notevoli proprietà depurative, il tarassaco divenne importante soltanto nel Rinascimento. E’ una delle piante più utilizzate e conosciute sul nostro territorio, purtroppo soltanto all’inizio della primavera, poi viene dimenticata fino all’anno successivo. Io l’adopero tutto l’anno perché seppur amara, trovo che si sposi benissimo con le patate o la polenta. Questa pianta è molto importante per le api, infatti anche se il grosso della fioritura avviene in primavera, il tarassaco produce fiori fino al tardo autunno fornendo nettare in un periodo dell’anno in cui le fioriture sono scarse. Un altro aspetto che mi affascina moltissimo del tarassaco è il suo polimorfismo. Ne esistono fino a 70 varietà che differiscono lievemente fra loro per la forma delle foglie. Sempre più spesso, in questa fase della mia vita, mi piace definirmi “polimorfica come il tarassaco”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

SEGNI PARTICOLARI: Le foglie formano delle rosette facilmente riconoscibili e i fiori sono di colore giallo intenso.

Le rosette possono essere confuse con quelle di altre erbe amare, come la cicoria selvatica, ma non preoccupatevi, sono tutte commestibili. Le foglie sono fortemente dentate con le punte ricolte verso il basso. I capolini (ossia i fiori) sono di un colore giallo intenso e molto vistosi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

DOVE LA TROVI: Un po' ovunque.

Cresce dappertutto, nei prati, negli incolti, a bordo delle strade…

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

UTILIZZI: Insalate primaverili, ideale abbinato a patate o polenta.

Tutta la pianta è commestibile. Le tenere rosette primaverili sono ottime consumate in insalata. Dopo la fioritura, si consiglia di lessare le foglie per renderle un po’ meno amare. In tal caso si prestano bene abbinate alle patate lesse, per esempio per realizzare un samosa di verdure. I boccioli fiorali sono sfiziosi saltati in padella e conditi con olio, sale e pepe. Le radici, raccolte in autunno ed essiccate, sono l’ideale per un decotto o una tintura vinosa depurativa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

PROPRIETA': Diuretiche, colagoghe, disintossicanti, antitumorali.

Depurative, diuretiche colagoghe (stimola la secrezione di bile), digestive. Recenti studi hanno dimostrato l’efficacia del Tarassaco come pianta utile a prevenire i tumori e a smaltire i metalli pesanti accumulati nell’organismo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

CURIOSITA':

In passato, soprattutto in tempi di crisi economica, le radici del tarassaco sono state utilizzate come surrogato del caffè. Nei paesi nordici, dove la vite non cresce, si produce il vino di tarassaco per fermentazione dei fiori, mentre in Belgio viene prodotta una birra utilizzando le radici. Secondo una credenza popolare, i soffioni del tarassaco erano usati come oracolo: i giovani innamorati donavano alla pianta messaggera le loro speranze ed i loro amori. Con un soffio deciso lasciavano andare il pappo e, se tutti gli acheni volavano via, allora i loro sogni si sarebbero realizzati.

ECCO COSA PUOI PREPARARE:

Misticanza d'autunno
Misticanza d'inverno
Ravioli di Tarassaco al vapore
Salsa ai fiori di Tarassaco
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
© 2016 Vivi di sana pianta by Viviana Sorrentino. Tutti i diritti riservati.

Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a titolo indicativo e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. vividisanapianta.it non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati. La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.