Tossilaggine
Tussilago farfara (Fam. Asteraceae)

INTRODUZIONE:

E’ bello vedere spuntare a sorpresa i fiori dorati di Tossilaggine ancor prima dell’inizio della primavera. Compaiono così, di colpo, spesso in terreni argillosi, fragili e nudi dove null’altro cresce, senza neppure il conforto di una foglia, perché le foglie arrivano qualche tempo dopo la fine della fioritura. “Tussis agere” è la radice etimologica che Plinio attribuì alla Tussilaggine per indicare che essa costituiva un medicamento contro la tosse. In effetti questa pianta presenta effettivamente importanti proprietà emollienti e anticatarrali. In passato le foglie della Tussilaggine venivano fatte fermentare leggermente insieme alle foglie di Asperula e Ippocastano per ottenere un tabacco poco nocivo e dall’aroma delicato. Non solo, ma questo tabacco pare essere particolarmente indicato per calmare la tosse e il catarro, dunque consigliato per i fumatori e gli asmatici.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

SEGNI PARTICOLARI: Fiori solitari di colore giallo oro. Le foglie si sviluppano dopo la fioritura e sono ricoperte da uno strato di peli cotonosi di colore bianco.

Come tutte le piante della famiglia delle Asteraceae, i fiori sono riuniti in capolini che crescono solitari all’estremità di uno stelo ricoperto di squame lineari. Dopo la fioritura si sviluppano le foglie basali, piuttosto grandi e ricoperte di un velluto che ricorda una ragnatela.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

DOVE LA TROVI: Incolti umidi, luoghi argillosi e sabbiosi.

La Tossilaggine cresce in luoghi dove spesso le altre piante faticano ad attecchire. E’ piuttosto comune su scarpate con terreni argillosi e franosi. Non ama il ristagno d’acqua e dunque è più frequente in terreni in pendenza. Quando presente, è facile che crescano diversi esemplari ravvicinati per via della buona capacità di dispersione dei suoi semi che ricordano molto i “soffioni” del tarassaco: un po’ di vento e loro si sparpagliano ovunque.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

UTILIZZI: Fritture, zuppe, ripieni, tisane.

I fiori si sviluppano all’apice di uno stelo fiorale carnoso che si presta perfettamente per una frittura in pastella coi fiocchi! In primavera le foglie possono essere raccolte e aggiunte a zuppe e/o ripieni. Sia foglie che fiori sono perfette per tisane anti-tosse.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

PROPRIETA': Tossifughe, emollienti, espettoranti.

Celebre è il suo impiego come infuso, decotto o cataplasmi utilizzando sia i fiori che le foglie che sono particolarmente ricche in mucillagini. Infusi e decotti sono efficaci per contrastare laringiti, tosse, raffreddore e bronchiti. I suffumigi preparati con le foglie secche (si raccolgono in primavera ed estate, facendole poi seccare all’ombra senza i piccioli) sono utili per trattare le tossi secche e gli eccessi di asma. Per uso esterno, il decotto viene usato sotto forma di impacco per curare piaghe, ulcere, ferite ed eruzioni cutanee. Le foglie fresche per cataplasmi utili a trattare traumi, articolazioni dolorose, ingrossamento dei linfonodi e infiammazioni venose. Come tutte le Borraginaceae, questa pianta contiene degli alcaloidi che in caso di assunzione prolungata possono avere effetti epatotossici, di conseguenza non eccedete nell’uso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

CURIOSITA':

Oltre a calmare la tosse, il tabacco di Tossilaggine sembra avere un effetto disintossicante dal vizio del fumo.

ECCO COSA PUOI PREPARARE:

Infuso di Tossilaggine per tosse e asma
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
© 2016 Vivi di sana pianta by Viviana Sorrentino. Tutti i diritti riservati.

Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a titolo indicativo e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. vividisanapianta.it non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati. La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.