Cannelloni di Amaranto

STAGIONALITA':

Estiva

PROPRIETA':

Nutriente, rimineralizzante.

DOSI PER:

4 persone (10 cannelloni)

I primi Cannelloni della mia vita! Non male per essere una principiante. Per questa ricetta ho adoperato una delle mie ‘erbacce’ preferite: l’Amaranto. Molti lo conoscono per i semi, ma ignorano completamente la bontà delle sue foglie caratterizzate da un gusto delicato che rimanda alle nocciole. I contadini lo estirpano senza pietà e non escludo che anche voi abbiate fatto lo stesso, soprattutto se possedete un orto. Se non avete voglia di cimentarvi nella preparazione dei Cannelloni, vi prego almeno di saltare le foglie di Amaranto in padella, come semplice contorno o ripieno per una torta salata. Vedrete che una volta assaggiato lo guarderete con occhi diversi… Ma non c’è tempo da perdere! I Cannelloni, se fatti interamente a mano, richiedono un certo tempo. Al lavoro dunque!!!

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Amaranto

200 g

Cipollotti

2

Nocciole tritate

12 g

Formaggio Caprino

35 g

Ricotta vaccina

100 g

Uova

1

Farina di Farro integrale (x la pasta)

25 g

Farina di Tipo 0 (x la pasta)

50 g

Farina di Tipo 0 (x la besciamella)

35 g

Latte intero

350 ml

Parmigiano

40 g

Burro

35 g

Pepe

qb

Noce moscata

1 pizzico

Olio

4 cucchiai

Sale

qb

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15

Procedimento

Mondate le foglie di Amaranto, poi tagliatele a piccoli pezzi come mostrato nell’immagine.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Sminuzzate finemente anche i cipollotti e saltateli in padella con un po’ di olio per un paio di minuti. Aggiungete il trito di Amaranto e cuocete a fuoco medio per 5 minuti. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Aggiungete al composto il formaggio caprino, la ricotta, le nocciole tritate un pizzico di pepe e aggiustate di sale; mettete da parte.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

E’ il momento di preparare la pasta per i Cannelloni. Su un ripiano di lavoro apposito versate le farine (50 g di tipo 0 e 25 g di farro), l’uovo e un pizzico di sale. Impastate sino a quando non raggiungerete una consistenza morbida ed elastica della pasta. Se dopo averlo lavorato l’impasto dovesse risultare troppo asciutto, aggiungete poca acqua e impastate di nuovo. In caso contrario, aumentate leggermente le dosi della farina ‘0’ e lavorate il composto sino ad ottenere una palla liscia ed elastica.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Mettete sul fuoco una pentola capiente con acqua abbondante. Mentre aspettate che l’acqua bolla, con un mattarello stendete l’impasto dei Cannelloni sino ad ottenere un foglio di 1-2 mm di spessore. Poi con l’aiuto di un coltello ricavate dei rettangoli di circa 5×10 cm. L’acqua dovrebbe aver iniziato a bollire: salatela, aggiungete un paio di cucchiai d’olio (piccolo trucco che evita ai fogli di pasta di incollarsi) e versatevi 5 rettangoli di pasta. Meglio cuocerne pochi alla volta per evitare che si attacchino fra loro. Fate cuocere per 5 minuti, poi scolate i fogli immergendoli in un recipiente con dell’acqua fredda per fermare la cottura. Scolateli e disponeteli su un vassoio ad asciugare. Versate il resto dei rettangoli nell’acqua bollente e ripetete il procedimento. Coprite i rettangoli di pasta appena cotti con uno strofinaccio umido o con della stagnola per evitare che si secchino.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

E ora la besciamella. In un pentolino fate lentamente sciogliere il burro (tenete la fiamma al minimo per evitare che bruci), poi togliete il pentolino dal fornello ed incorporate poco alla volta la farina di tipo 0 (35 g) mescolando con una frusta. Rimettete il pentolino sul fuoco, fate cuocere per un paio di minuti a fuoco lento, poi aggiungete poco alla volta il latte senza smettere di mescolare per evitare la formazione di grumi. Ad un certo punto il composto inizierà ad addensarsi, fatelo bollire a fuoco moderato per qualche minuto, poi spegnete il fuoco. Aggiungete 30 g di parmigiano grattugiato, aggiustate di sale e unite un poco di noce moscata per dare quel ‘non so ché… Preriscaldate il forno a 180 °C.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Tornate ai rettangoli di pasta che avete precedentemente cotto. Farcite ogni rettangolo con 2 cucchiai di composto di Amaranto, ricotta, caprino e nocciole, arrotolando la pasta intorno al ripieno. Imburrate una pirofila, stendete un sottile strato di besciamella, adagiatevi sopra in Cannelloni farciti e condite con un altro strato di besciamella. Grattugiate sulla superficie dei Cannelloni un po’ di parmigiano e informate a 180°C per circa 30 minuti. Servite i Cannelloni ancora caldi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
© 2016 Vivi di sana pianta by Viviana Sorrentino. Tutti i diritti riservati.

Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a titolo indicativo e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. vividisanapianta.it non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati. La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.