Crema emolliente contro le infiammazioni cutanee

STAGIONALITA':

Invernale Primaverile Autunnale

PROPRIETA':

Emollienti, astringenti, antinfiammatorie, disinfettanti, antibatteriche, emostatiche.

DOSI PER:

6 mesi di applicazioni

Un esercito di ingredienti naturali utili per lenire e curare le infiammazioni della pelle. Volevo realizzare qualcosa di potente ed efficace e, come sempre, mi sono lanciata in un esperimento guidato da una seria condotta di studio e ricerca bibliografica, sfociato inesorabilmente in una piacevole febbre creativa e istintiva. Il risultato mi ha entusiasmata, così ho deciso di condividere con voi questa ricetta prima di dimenticarla. Vi presento i miei soldatini: polvere di Ghiande essiccate, fiori di Achillea, foglie di Lampone e Fragolina di Bosco, burro di Karité, olio di Mandorle Dolci e oli essenziali di Lavanda, Cannella e Chiodi di Garofano. Ho selezionato gli ingredienti in base alle loro proprietà: astringenti, antisettiche, antiemorragiche, disinfettanti, antinfiammatorie, ed emollienti. Il burro di Karité e l’olio di Mandorle Dolci hanno inoltre la funzione di proteggere, nutrire e rendere più elastica la pelle. Volendo potete sostituire le foglie di Lampone e Fragola di Bosco con le comunissime foglie di Rovo che appartengono alla stessa famiglia botanica (Rosaceae) e presentano caratteristiche simili. Ora care piaghe, ferite, dermatiti, screpolature e psoriasi… e persino voi antipatiche emorroidi… sono tutti cavolacci vostri!

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Quercia (ghiande essiccate e sgusciate)

10 g

Achillea (fiori essiccati)

5 g

Lampone (foglie fresche)

4 g

Fragola di Bosco (foglie fresche)

3 g

Lavanda (olio essenziale)

20 gocce

Chiodo di Garofano (olio essenziale)

10 gocce

Cannella (olio essenziale)

10 gocce

Burro di Karité puro

150 g

Olio di Mandorle Dolci

50 g

1
2
3
4
5
6

Procedimento

Cominciate col pestare e sminuzzare nel mortaio le cime fiorite di Achillea, e a seguire le ghiande. Poi tritate finemente le foglie di Lampone e di Fragolina di Bosco.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

A questo punto fate sciogliere dolcemente e a bagnomaria il burro di Karité e aggiungete l’olio di Mandorle dolci. Unitevi le piante che avete appena pestato e tritato. Mescolate e lasciate cuocere a fuoco lento per 5 minuti senza far bollire. Spegnete il fuoco e lasciate riposare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Dopo due ore, scaldate nuovamente il composto a bagnomaria e lasciate cuocere per altri 5 minuti. Spegnete il fuoco e lasciate riposare. Ripetete questa operazione altre 2 o 3 volte (il calore sistematico e dolce, faciliterà il rilascio dei principi attivi contenuti nelle piante), poi lasciate riposare il composto per una notte.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Ora la parte che richiede maggiore pazienza. L’indomani mattina scaldate nuovamente il composto per renderlo liquido e filtratelo con un pezzo di stoffa di lino/cotone o con un colino di carta (es. quelli per il caffé americano). Per filtrare in maniera più rapida ecco due consigli: mescolate il composto per farlo scendere più velocemente attraverso il filtro; inoltre, siccome il burro tenderà a solidificarsi rendendo impossibile l’operazione di filtraggio, per mantenerlo liquido ogni tanto scaldatelo con il phon (tenendo quest’ultimo ad una distanza di 20-30 cm che consenta di scaldare senza far schizzare il composto). Forse esistono metodi più pratici del phon per scaldare il composto, ma volevo evitare molteplici travasi dal filtro alla pentola e viceversa, e questa è l’unica soluzione che mi è venuta in mente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Una volta finito di filtrare dovreste avere ottenuto un composto cremoso non ancora del tutto solidificato, ma freddo. E’ questo il momento per aggiungere gli oli essenziali. Mescolate bene e poi travasate il composto in piccoli vasetti di vetro sterilizzati. Questa crema dovrebbe mantenersi intatta alcuni mesi a temperatura ambiente, ma vi consiglio comunque di riporla in frigorifero per prolungarne la conservazione ed efficacia. E ora sperimentate alla prima occasione! Vedrete che non vi deluderà:)

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
© 2016 Vivi di sana pianta by Viviana Sorrentino. Tutti i diritti riservati.

Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a titolo indicativo e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. vividisanapianta.it non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati. La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.