Crème brulée alla Melissa

STAGIONALITA':

Estiva Invernale Primaverile Autunnale

PROPRIETA':

Rinfranca lo spirito

DOSI PER:

6 persone

Avete presente quando Amelie, nel film “il favoloso mondo di Amelie”, rompe con soddisfazione la crosticina caramellata della crème brulèe? Beh… io provo la stessa identica sensazione, e forse anche qualcosa di più… La crème brulée è il mio dolce preferito, dunque ho condotto numerosi esperimenti per trovare un equilibrio in termini di consistenza (morbida e vellutata all’interno, croccante e stuzzicante all’esterno) e dolcezza (non amo i dolci troppo dolci). Abbinata alla Melissa poi, diventa un vero balsamo del cuore. Provare per credere!

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Melissa (foglie)

30-40

Zucchero bianco

50 g

Tuorli d'uovo

6

Panna per dolci

560 ml

Latte intero

150 ml

Vaniglia

1/2 stecca

Zucchero di canna per la crosta

qb

1
2
3
4
5
6

Procedimento

Preriscaldate il forno a 100-105°C. Meglio se verificate la temperatura con un termometro da forno per essere sicuri di non far bollire il preparato durante la cottura: è importante che la panna cuocia lentamente, e a lungo, affinché risulti morbida e delicata una volta sfornata.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Montate i tuorli con lo zucchero bianco.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Successivamente, in un pentolino mettete a freddo: il latte, la panna, le foglie di melissa, e mezza stecca di vaniglia aperta in due. Mettete sul fuoco, e mescolate frequentemente fino a quando non inizierà a bollire. A quel punto spegnete il fornello e filtrate con un colino per togliere le foglie di melissa. Subito dopo unite i tuorli montati con lo zucchero.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Versate il liquido nelle apposite formine per la crème brulée. Infornate, e lasciate cuocere per circa un’ora e mezza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Passato il tempo necessario, verificate che la crème non sia troppo liquida: se risulta ancora poco consistente alzate leggermente la temperatura del forno e cuocete la crème ancora una mezzora; se invece è sufficientemente compatta (deve comunque essere un po’ morbida), togliete le formine dal forno, fatele raffreddare a tamperatura ambiente, e infine disponetele in frigorifero coperte con della carta stagnola. Lasciatele in frigo almeno per 2 ore prima di consumarle…. ma non è ancora finita!

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Poco prima di servirle, spargete uniformemente sulla superficie un cucchiaio circa di zucchero di canna. Con l’apposito strumento (cannello caramellizzatore), sciogliete gradualmente lo zucchero bruciacchiandolo lievemente con la fiamma. A quel punto, fate riposare per altri 5 minuti affinché la crosta zuccherina si consolidi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Non vi resta che sedervi, ammirare la vostra crème brulée, armarvi di cucchiaino, e rompere a vostro piacimento la crosta di zucchero. Non siete tornati un po’ bambini? E poi, ovviamente, gustatela con calma, magari in due: è più romantico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
© 2016 Vivi di sana pianta by Viviana Sorrentino. Tutti i diritti riservati.

Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a titolo indicativo e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. vividisanapianta.it non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati. La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.