Quinoa con Primule e Papavero

STAGIONALITA':

Invernale Primaverile

PROPRIETA':

Diuretiche, emollienti, vitaminizzanti, riminerallizanti.

DOSI PER:

4 persone

Facciamo un salto in Sud America, più precisamente in Bolivia, la patria della Quinoa insieme al Perù. Si tratta di una pianta considerata sacra dagli incas che usavano chiamarla ‘chisiya mama’, ossia la madre di tutti i semi. In occasione di un recente viaggio ho avuto l’opportunità di assaggiare numerose varietà di questa pianta dalle innumerevoli virtù e quella rossa mi ha rapito particolarmente. Parente degli spinaci, la Quinoa produce dei semi nutrienti e gustosi. E’ estremamente ricca di proteine di alta qualità, acidi grassi, amminoacidi essenziali, fibre, sali minerali e vitamine. Il suo apporto in ferro è prezioso almeno quanto quello in magnesio che, si sa, è fondamentale per prevenire le malattie cardiovascolari. L’assenza di glutine poi, la rende un cibo perfetto per chi soffre di celiachia o intolleranze. Abbinata a piante spontanee cotte poco o nulla, rappresenta un cibo in grado di nutrire efficacemente l’organismo senza appesantirlo. Ecco le protagoniste selvatiche di questa ricetta: Primula, Papavero e una pianta che tanto somiglia al crescione, il Billeri primaticcio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Primula

30 g di foglie

Papavero

100 g di foglie

Billeri primaticcio

20 g di foglie

Quinoa rossa

150 g

Sedano

4 coste

Cipollotti

2

Aglio

1 spicchio

Stracchino

100 g

Olio

8 cucchiai

Sale

qb

Pepe

qb

1
2
3
4
5
6
7
8
9

Procedimento

In una pentola portate mezzo litro di acqua a bollore. Una volta in temperatura, salate l’acqua e versatevi la Quinoa insieme alla foglie verdi del cipollotto e qualche foglia di sedano. Fate cuocere per circa una ventina di minuti, ma verificate che la cottura sia ultimata prima di spegnere il fuoco. Scolate l’acqua in eccesso, eliminate le foglie di cipollotto e sedano usate in cottura e mettete da parte la Quinoa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

In una padella fate soffriggere il bianco dei cipollotti sminuzzati e lo spicchio d’aglio schiacciato con poco olio. Nel mentre tagliate finemente le foglie di Papavero e Primula. Aggiungete il trito vegetale al soffritto e fate cuocere il tutto a fuoco vivace per 3 minuti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Continuando la cottura, unite al Papavero e alle Primule la Quinoa. Mescolate bene, aggiustate di sale e pepe e cuocete il tutto per altri 3-4 minuti. Condite con un poco di olio extravergine crudo e spegnete il fuoco.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Ora le coste del sedano. Pulitele bene e poi farcitele con una crema di stracchino e Billeri primaticcio, una pianta parente dei cavoli il cui sapore ricorda molto il crescione. Per la crema, aggiungete allo stracchino due cucchiai di olio, un pizzico di pepe e le foglie di Billeri tritate finemente. Mescolate bene con l’aiuto di una forchetta e farcite le coste del sedano.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Versate la Quinoa in un piatto, decorate con foglie e fiori di Primula. Servite la Quinoa insieme al sedano farcito per un contrasto fresco e sfizioso. Buon appetito!

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
© 2016 Vivi di sana pianta by Viviana Sorrentino. Tutti i diritti riservati.

Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a titolo indicativo e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. vividisanapianta.it non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati. La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.