Misticanza d'inverno

STAGIONALITA':

Invernale

PROPRIETA':

Incredibilmente diuretica e disintossicante, l'ideale per la fine dell'inverno.

DOSI PER:

2 persone

Fresca e disintossicante, un trionfo di sapori differenti, consistenze croccanti o vellutate, un’altalena fra un aroma e l’altro che stupisce ad ogni spinta, un’emozione per gli occhi e un piacere per il palato. Il segreto sta nella sua essenza… Foglie di Favagello, Billeri Primaticcio, Gallium, Songino, Podagraria, Senape Selvatica e Achillea. Foglie e fiori di Primule e Pratoline, fiori colorati di Viole Cornute e Del Pensiero. Non poteva mancare il Tarassaco. Infine, un tocco di Cerfoglio e germogli di Aglio Orsino. Questa è la mia misticanza d’inverno, 100% selvatica.
La parte più difficile di questa ricetta è la raccolta, perché dovrete essere in grado di trovare e riconoscere tutte queste piante. Ma non scoraggiatevi! Il bello della misticanza è che non esiste una ricetta, ognuno può combinare gli ingredienti che desidera, affiancando erbe selvatiche a verdure coltivate.
La ragione per cui ho deciso di condividere con voi questa misticanza, è che desidero darvi un’idea della varietà incredibile di ingredienti selvatici che si possono trovare in inverno, tutti buonissimi crudi. E poi, perché voglio sfatare un falso mito: non è vero che la maggior parte delle erbe spontanee si presenta con un sapore intenso difficile da abbinare. Prendete il Songino, con il suo gusto dolce e delicato, si trova abbondantemente allo stato selvatico (persino in città) e vi assicuro che è mille volte più buono di quello coltivato. Anche il Favagello e il Gallium sono delicatissimi. La Primula ricorda l’anice, il Cerfoglio è fresco e mentolato, e così via… E infine, ancor più importante, le erbe selvatiche sono sino a 100 volte più nutrienti e ricche di principi attivi rispetto alle parenti coltivate. Perciò, anche se non conoscete tutte le erbe che ho scelto di adoperare, non preoccupatevi, iniziate con due o tre, o magari quattro! Il resto verrà da se e la salute vi sarà per davvero riconoscente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Favagello

6 foglie giovani

Billeri primaticcio

4 foglie

Gallium

4 cime

Songino

4 piantine

Podagraria

4 foglie giovani

Senape Selvatica

2 germogli

Achillea

4 foglie giovani

Primula

2 foglie e 4 fiori

Pratolina

2 foglie e 4 fiori

Viole cornute e del pensiero

4 fiori

Tarassaco

4 rosette giovani

Cerfoglio

2 foglie con 'gambo'

Aglio Orsino

8 germogli con bulbi

Olio di noci

8 cucchiai

Sale integrale

qb

1
2
3

Procedimento

La parte più difficile di questa ricetta, come abbiamo detto, è la raccolta. Chissà se avete trovato tutti gli ingredienti! Ad ogni modo, come ogni misticanza che si rispetti, le erbe vanno lavate con acqua fredda e delicatamente, ad eccezione dei fiori. Personalmente preferisco non lavarli per mantenere intatta la loro energia e per non perdere gli oli essenziali che molto spesso ne ricoprono le superfici. Di solito uso raccoglierli a distanza di 1 o 2 giorni da una leggera pioggia, lontano da strade e fonti di inquinamento.
A proposito delle foglie e dei germogli invece, se sarete stati bravi e avrete fatto un buon lavoro di raccolta, preciso e pulito, sarà sufficiente metterli a bagno in acqua fredda per una decina di minuti, rimuovendo eventuali impurità e/o insetti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Passati i dieci minuti, scolate le verdure, possibilmente stendendole su un canovaccio e attendendo che si asciughino, una mezzora dovrebbe bastare. Se siete pigri vi concedo (solo per questa volta) di usare lo scola-insalata con rotella:))

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Mettete tutte le erbe e i fiori in una ciotola e condite con olio di noci (in alternativa un normalissimo extravergine di oliva) e pochissimo sale: questo perché le erbe selvatiche sono molto ricche di sali minerali naturali e risultano di per sé salate. Se lo gradite, potete aggiungere anche un poco di aceto balsamico, ma vi consiglio di rimandare per questa volta, solo così infatti, potrete sentire per davvero il gusto degli ingredienti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

Buon appetito, questa misticanza vi farà un gran bene!

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
 +39 349 3626757     info@vividisanapianta.it
© 2016 Vivi di sana pianta by Viviana Sorrentino. Tutti i diritti riservati.

Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a titolo indicativo e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. vividisanapianta.it non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati. La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.